Dal 1973 è la Focacceria del Forte

Sapori unici, indimenticabili, inimitabili...

Da 50 anni e...

La storia del Forte ha il nostro sapore

Nel 1973, Orlando apre il suo secondo locale, una scommessa che si dimostra subito vincente, così come lo era stato con "Pietro" già dal 1959, e prima ancora, lungo la spiaggia del Forte.

Chi siamo

"Siamo la storica pizzeria/focacceria di Forte dei Marmi, ormai prossima ai 50 anni. In realtà la tradizione è ancora più antica e nasce negli anni 30, quando il nonno Pietro vendeva le focaccine in spiaggia, lungo gli stabilimenti balneari più alla moda, affiancato anni dopo dallo stesso Orlando. Da li nacque l'idea del primo locale, in centro, col nome di Pietro, riferimento della bella vita balneare anni ’60, affiancato nel 1973 dal locale che Orlando aprì nel cuore di Roma Imperiale portando avanti la tradizione anche dopo la chiusura di Pietro avvenuta nei primi anni ’90. L'offerta è unica e particolare, una pizza su base sfogliata (che in realtà è una torta salata) con abbondante pomodoro e fontina olandese, triangolini di focaccia ripiena con verdure, salumi, pesce o formaggi. Ottime crostate ai frutti di bosco o alla crema di limone, e le coppe di crema pasticcera calda con frutti di bosco o altre golosità. Da gustare all'interno del locale in un ambiente informale e caratteristico, o a casa propria, con il take away...   Prezzi ragionevolmente alti."

Il Locale

Un oasi di gusto a Roma Imperiale

Unico ed informale, Orlando sa subito sorprenderti perché per noi non sei un cliente ma un amico. Non c'è servizio ma puoi fare quasi tutto da solo, senza dover attendere troppo a lungo, noi pensiamo ad accomodarti al tavolo e a prepararti pizze e focaccine.  Tu scegli cosa vuoi mangiare, ti servi da bere e quando tutto è pronto, ti chiamiamo. Servirsi da soli sembra un controsenso, e invece è pratico e divertente. Perché non vieni a trovarci per constatarlo di persona?

ORLANDO

 

ORLANDO

via Colombo, 80

Forte dei Marmi

55042

Italia

 
0584 / 80763  -  0584 / 80802 

Crediti foto: Michele Leccese  /  Archivio Orlando  /  Facebook e altri siti web